CURIOSITÀ LETTERARIE

10 maggio 1933: i roghi nazisti dei libri

Sono certo che pochi anni di governo politico e sociale nazionalsocialista porteranno ricche innovazioni nel campo della produzione artistica e grandi miglioramenti nel settore rispetto ai risultati degli ultimi anni del regime giudaico. [...] Per raggiungere tale fine, l’arte deve proclamare imponenza e bellezza e quindi rappresentare purezza e benessere.  Queste parole, pronunciate da Hitler… Continue reading 10 maggio 1933: i roghi nazisti dei libri

CURIOSITÀ LETTERARIE

55 giorni di piombo

Gli anni di piombo rappresentano per l’Italia un periodo davvero molto travagliato e critico della storia contemporanea: non solo difficili da affrontare dal punto di vista politico, ma anche socialmente ricchi di contestazioni, ideologie ed estremismi. Il capo e la coda di questo periodo "caldo" possono essere considerati, simbolicamente, l’attentato di Piazza Fontana il 12 dicembre… Continue reading 55 giorni di piombo

CURIOSITÀ LETTERARIE

Virginia Woolf e le sue “fasi” di scrittura

Virginia Woolf si può considerare una delle più grandi scrittrici d’avanguardia del Novecento. Tanti critici l’hanno affiancata a Marcel Proust e James Joyce, ma di entrambi lei stessa aveva delle opinioni notevolmente discordanti: il primo lo amava per la psicologia con cui delineava i personaggi all’interno dei suoi testi e per la spiccata interiorità, il… Continue reading Virginia Woolf e le sue “fasi” di scrittura

CURIOSITÀ LETTERARIE

La distopia e le “Scritture della catastrofe”

Un termine che tutti avranno già sentito - soprattutto perché è stato rivalutato moltissimo, negli ultimi anni, sia dalla cinematografia sia dalla letteratura - è certamente quello di distopia. Storicamente parlando, quest’ultima si può dire sia nata nell’Ottocento, precisamente nel 1868, ad opera del filosofo John Stuart Mill che ne coniò il termine sulla base… Continue reading La distopia e le “Scritture della catastrofe”

CURIOSITÀ LETTERARIE

Il colpo dello “Strega”

«Cominciarono, nell’inverno e nella primavera 1944, a radunarsi amici, giornalisti, scrittori, artisti, letterati, gente di ogni partito unita nella partecipazione di un tema doloroso nel presente e incerto nel futuro. Poi, dopo il 4 giugno, finito l’incubo, gli amici continuarono a venire: è proprio un tentativo di ritrovarsi untiti per far fronte alla disperazione e… Continue reading Il colpo dello “Strega”