Benvenuto

Non spaventarti.
Nessun O’Brien comincerà a torturarti in una stanza accecante che ha fatto di 1984 una delle storie distopiche più celebri e inquietanti. Nè tantomeno sperimenterai la perdita identitaria più profonda come è capitato a Winston Smith. Sei solo approdato tra le pagine del mio romanzo preferito e in uno spazio in cui saranno proprio i libri i principali protagonisti.

Per leggere tutti gli articoli pubblicati puoi cliccare qui. Oppure consultare il MENÙ alla ricerca di qualche ispirazione. Il blog non ti basta? Allora non perderti anche i miei consigli di lettura “in pochi caratteri” su Twitter e le foto in Instagram.

Ci incontreremo là dove non c’è tenebra.

George Orwell, 1984